Reti di Pace è un laboratorio aperto a tutto ciò che di positivo pulsa nel territorio.
Ognuno nel suo piccolo può fare qualcosa, e tutti insieme possiamo fare molto per costruire un mondo equo e di pace!

Categoria: Articoli Pagina 2 di 51

Cuba resiste! Per il futuro di Cuba, non auguro il presente del Brasile

di Frei Betto

Pochi non conoscono la mia solidarietà con la Rivoluzione cubana. Per 40 anni ho visitato spesso l’isola, per impegni di lavoro e inviti ad eventi.

Per un lungo periodo ho mediato la ripresa del dialogo tra i vescovi cattolici e il governo cubano, come descritto nei miei libri “Fidel y la religión” (Fontanar / Companhia das Letras, 2006) e “Paraíso perdido – Viajes al mundo socialista” (Rocco, 2015). Consiglio il governo cubano nell’attuazione del Piano di Educazione alla Sovranità Alimentare e alla Nutrizione.

Leggi tutto

PNRR e Riforma Fiscale: Non ci siamo proprio!

Care e cari, 

«Niente sarà più come prima» Un mantra che si ripeteva oltre un anno fa, all’inizio della pandemia, immaginando forse un mondo nel quale si mettesse finalmente mano alle tante ingiustizie sociali di questo mondo “globalizzato”, sempre più diviso tra ricchi e poveri, tra privilegi e diritti negati. 

Ma quello a cui stiamo assistendo va sempre più definendosi come «Tutto sarà peggio di prima».

In questo senso, vogliamo segnalare queste due letture che alleghiamo:

  • Basta con nuclei e comitati tecnici, per un PNRR dei diritti! – del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua. Una contestazione del PNRR sia nella sua composizione “un nucleo tecnico: tutto al maschile, con nomi più o meno noti al grande pubblico, ma sicuramente conosciuti negli ambienti che contano per il loro impegno a riformare il paese in un’ottica neo-liberista…persone che ritengono che lo Stato debba intervenire unicamente per favorire e ricostruire i mercati “;  sia nei suoi obiettivi: “sono annunciati forti investimenti pubblici che, però, sono finalizzati unicamente a sostenere il mercato e le sue logiche “;
  • Una riforma fiscale per chi? – Un’attenta e approfondita analisi di Sandro De Toni, pubblicata sul giornale online terzogiornale.it, delle riforme fiscali che si intendono attuare a favore dei soliti noti: “Il rischio è che si vada a intaccare i pilastri del welfare, le spese per salute, assistenza, pensioni o scuola.” E infatti: “Una delle proposte tra la più costose concerne l’abolizione dell’Irap …  che produce un gettito pari a 20 miliardi e che contribuisce a finanziare il servizio sanitario”. L’articolo si conclude con: “Di fronte all’aumento della povertà, le scelte delle due Commissioni e della maggioranza di governo sembrano volere favorire la parte superiore della nostra società, i vincenti della globalizzazione.”

Oggi, mentre da noi era notte, nell’aula del Congresso del Cile sono risuonate forti e chiare le parole nella lingua dei Mapuche

di Tonio Dell’Olio

Inaugural session of the Chilean Constitutional Convention on 4 July 2021.
Photo by Cristina Dorador

Le ha pronunciate Elisa Loncón, appena eletta presidente dell’Assemblea Costituente. Si tratta dell’assise votata dal popolo per scrivere la nuova Costituzione che andrà a cambiare quella entrata in vigore nel 1980 con la dittatura di Augusto Pinochet. Ma il primo ed entusiasmante segnale di cambiamento è che su 155 membri di quell’organismo, ben 96, in seconda votazione, hanno votato per Elisa Loncón.

Leggi tutto

2021 © Reti di Pace