Questo sito utilizza solo cookies tecnici e non di profilazione. I cookie sono necessari contribuiscono a rendere fruibile il nostro sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie. Per saperne di più, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Firmare per ottenere diritto di accesso ai dati della Pubblica Amministrazione

"Avere accesso alle informazioni raccolte dallo Stato – in nome dei cittadini e con risorse dei cittadini – non è un’esigenza solo di giornalisti, lobbisti ed esperti.

È un diritto universale, che è alle fondamenta  della nostra libertà di espressione perché è il presupposto di una piena partecipazione come cittadini alla vita democratica.

Il diritto di accesso all’informazione è regolato da norme conosciute internazionalmente come “Freedom of Information Acts” (FOIA). In base ad esse la pubblica amministrazione ha obblighi di informazione, pubblicazione e trasparenza e i cittadini hanno diritto a chiedere ogni tipo di informazione prodotta e posseduta dalle amministrazioni che non contrastino con la sicurezza nazionale o la privacy.

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha riconosciuto l’accesso alle informazioni detenute dai governi come diritto: oggi più di 90 Paesi democratici hanno un FOIA.

L’Italia non è ancora tra questi." http://www.foia4italy.it/cosa-e-un-foia/

Firmiamo, per ottenere un vero diritto di accesso ai dati della Pubblica amministrazione! 


SENZA CORRUZIONE RIPARTE IL FUTURO

Ciao,

questa volta li abbiamo messi all’angolo: dopo mesi di battaglia per ottenere un vero diritto di accesso ai dati della Pubblica amministrazione (Freedom of Information Act), la nostra campagna sta volgendo al termine e il governo dovrà ascoltare la nostra voce. Vogliamo che il testo approvato in via preliminare dal Consiglio dei ministri venga modificato in base alle nostre richieste.

Unisciti a noi: www.riparteilfuturo.it/foia4italy

Dopo i pareri critici dell’Anac, del Consiglio di Stato e in ultimo quello delle commissioni Affari Costituzionali di Camera e Senato che hanno votato oggi pomeriggio, il governo non ha più scuse: tutti confermano quanto sostenuto dalla coalizione Foia4Italy e dai firmatari della nostra petizione.Il Foia italiano, così com’è, proprio non va!

Il premier Matteo Renzi e il ministro Marianna Madia si sono detti disponibili a migliorare il testo, accogliendo alcune nostre significative osservazioni. Tuttavia, per essere sicuri che la nostra voce gli arrivi forte e chiara, vogliamo raggiungere quota 80.000 firmatari in poche ore.

FIRMA: AIUTACI A DIVENTARE 80.000