Reti di Pace è un laboratorio aperto a tutto ciò che di positivo pulsa nel territorio.
Ognuno nel suo piccolo può fare qualcosa, e tutti insieme possiamo fare molto per costruire un mondo equo e di pace!

Categoria: Appuntamenti Pagina 3 di 39

Le Zanzare – Progetto SemiNati

3 Settembre 2022 – Ore 17.00-18.30

Alliance Bioversity International – CIAT, Ente Parco regionale dell’Appia Antica, Orto Botanico di Roma, Platform for Agrobiodiversity Research, Zappata Romana, sono lieti di aspettarvi, sabato 3 settembre , per l’ultimo appuntamento dei seminari del progetto SEMINATI.

SABATO 3 SETTEMBRE 2022 ore 17.00-18.30

  • Le zanzare, a cura di Alessandra della Torre (La Sapienza), presso l’Hortus Urbis, via Appia Antica 42/50

Sono consigliati: pantaloni lungi, magliette con le maniche, calze.

Leggi tutto

Parco Schuster “Evento Renato Biagetti” – A Reggio Emilia il Festival di Emergency

2 3 4 Settembre – Roma / Reggio Emilia

#16insiemeaRenato

Un sogno diventato realtà grazie alla Roma Antifascista che ogni anno si stringe e si autorganizza per renderlo possibile. Un parco pubblico che si apre ad accogliere per tre giorni il Festival Antifascista di Cultura Indipendente dedicato a Renato, ucciso nel 2006 da due giovani fascisti sulla spiaggia di Focene.

  • 3 giorni per non dimenticare
  • 3 giorni per rilanciare le lotte
  • 3 giorni di musica parole immagini

𝗦𝗲𝗺𝗽𝗿𝗲 𝗰𝗼𝗻 𝗹𝗮 𝘀𝘁𝗲𝘀𝘀𝗮 𝗥𝗮𝗯𝗯𝗶𝗮, 𝗦𝗲𝗺𝗽𝗿𝗲 𝗰𝗼𝗻 𝗶𝗺𝗺𝘂𝘁𝗮𝘁𝗼 𝗔𝗺𝗼𝗿𝗲

Ci vediamo il 2 • 3 • 4 Settembre alla 15esima edizione di Renoize a Parco Schuster.

Ancora prima il 27 Agosto per ricordare Renato a Focene 

Leggi tutto

Invito a partecipare alla riunione organizzativa del presidio a Ghedi

FUORI DALLA NATO! CONTRO LA PARTECIPAZIONE DELL’ITALIA A TUTTE LE GUERRE IN CORSO!

L’Italia partecipa attivamente ai conflitti in corso nel mondo attraverso 38 missioni militari attualmente attive e con il foraggiamento (armi, soldi, veicoli militari) dell’Ucraina su ordine della NATO.

La partecipazione dell’Italia a queste guerre ci costa ad oggi 26 miliardi di euro l’anno, cifra destinata in pochi anni ad aumentare fino a 40 miliardi, ossia il 2% del PIL come imposto dagli accordi NATO e definito dal Parlamento italiano lo scorso 12 marzo.

Oltre a questo, ci è costata finora 8000 militari ammalati per l’uranio impoverito, senza contare i contaminati dall’amianto sulle navi militari e da altri fattori cancerogeni legati alla produzione e sperimentazione di armamenti bellici tra personale militare. Innumerevoli inoltre sono i civili dei paesi bombardati dalla NATO oggi vittime di patologie tumorali e inquinamento ambientale. Ci è costato l’inquinamento di interi territori grazie alla presenza di poligoni militari, come i 3 poligoni NATO in Sardegna, ad Aviano (PD) e tanti altri sparsi sul suolo nazionale con annesse patologie tumorali tra i civili italiani che vivono e lavorano nei pressi dei poligoni.

Leggi tutto

2021 © Reti di Pace